2016 - CSED Software

Vai ai contenuti

Menu principale:

Note di rilascio
  
 Desktop Telematico
  L’Agenzia delle Entrare ricorda che dal 1° dicembre il software Entratel non sarà più aggiornato e, pertanto, occorrerà utilizzare il nuovo “Desktop Telematico” che servirà per la gestione dei documenti inviati e ricevuti telematicamente (Entratel, FileInternet, e i vari moduli di controllo).
Quindi, dal 1° dicembre non sarà più possibile utilizzare Entratel per connettersi ai servizi telematici.
Il nuovo Desktop Telematico è disponibile nella pagina Download di questo sito : troverete anche una guida in formato pdf.
Entratel, anche se non più supportato, potrà comunque essere ancora utilizzato, come specificato dall’Agenzia dell’Entrate, per le seguenti funzionalità:
·         visualizzazione, controllo ed autenticazione dei file contenenti i documenti sino ad oggi gestiti;
·         elaborazione e visualizzazione delle ricevute relative ai documenti sino ad oggi gestiti.
La nuova applicazione Desktop Telematico e' destinata ad accogliere le applicazioni distribuite dall'Agenzia delle Entrate ed installate dall'utente sulla propria postazione di lavoro. 
Entratel, File Internet ed i pacchetti di controllo sono le applicazioni che possono essere installate all'interno del Desktop Telematico che provvederà a gestirne automaticamente gli aggiornamenti. 

                                                                     Come procedere
La procedura DeskTop Telematico deve essere installata su pc in cui e' presente e funzionante la procedura Entratel, altrimenti occorre  prima installare  il RunTime Java. Eseguire queste fasi con attenzione:
- Installare Desktop Telematico
- Da Start di Windows lanciare la procedura DT. La procedura necessita di registrare l'utente con nome e password. Sappiate che verra' creata una cartella sul vostro disco fisso con lo stesso nome dell'utente, su cui verranno memorizzati tutti i vostri documenti, proprio come se fosse la cartella Entratel della vecchia procedura: scegliete un nome coerente e facilmente individuabile.
Pertanto inserire:
- Nome Utente - Password - Area di lavoro (indicare il vostro disco locale c:\)  e cliccate su CREA
Verra' eseguita una verifica degli aggiornamenti Entratel. Dopo la fase di installazione cliccare su Applicazioni, e installare i moduli software di controllo:
- Applicazioni Entratel 
- Controllo dichiarazioni Redditi 2016 e Studi di settore..... selezionare tutti gli altri controlli di vostro interesse.
Quando finito provate a controllare un file telematico gia' controllato con la vecchia procedura Entratel.
Provate, dopo il controllo, ad autenticare il file. Dove si trova il file da autenticare ? 
Cercate nella nuova cartella creata con lo stesso nome dell'utente di Desktop telematico, e al suo interno troverete la cartella Entratel. Il percorso corretto e’ C:\nomeutente\entratel\Documenti\controllati\ e troverete il vostro file da autenticare.
Indicate (solo per la prima volta) dove risiede l'ambiente di sicurezza (cartella o altro dispositivo utilizzato) e la vostra password: nelle autentiche successive questi dati verranno gia' visualizzati, e dovete intervenire solo se ci sono variazioni o modifiche.
Buon lavoro.
Tony Di Gregoli
 
 
Torpedo Paghe 16.80 - Mensilita' aggiuntive - Rate addizionali Irpef
 
Sviluppo cedolino Individuazione dei mesi per il computo della forza media nel caso di  mensilita' aggiuntive: la 13^ mensilita' si appoggia al mese di  dicembre, mentre la 14^ al mese di luglio.
Nei casi di rifacimento del cedolino di dicembre il programma non propone il calcolo delle  rate di addizionali Irpef.

   Torpedo Paghe 16.70 - Calcolo della media occupazionale ai fini del contributo del Fondo di solidarieta' residuale. Report voci di corpo.

Sviluppo cedolino In base alla forza esistente nel semestre precedente il periodo di paga,  le Aziende devono procedere alla verifica se ricorrono le condizioni per maggiorare i contributi dovuti all'INPS dello  0,45% se la media occupazionale e' superiore a 5 ma non a 15, oppure dello 0,65% se la media e' superiore a 15. 
Nel Menu' Azienda esiste da tempo l'applicazione "Calcolo Media occupazionale", che  risolve tale esigenza. 
Ci sono aziende con pochi dipendenti che non supereranno mai tali soglie, cosi' come ci sono aziende di medie dimensioni che hanno una forza lavoro ben superiore alle 15 unita'. 
Ma ci possono essere aziende che si trovano al limite delle suddette fasce, per cui e' opportuno, prima di procedere allo sviluppo dei cedolini, verificare la consistenza della media occupazionale del semestre precedente  il mese che intendiamo elaborare. 
Tale adempimento dovra' essere fatto mese per mese. 
Onde evitare che possiamo dimenticare di procedere a questa preventiva e necessaria verifica, il programma di sviluppo cedolini, mese per mese, effettuera' la verifica per poi procedere alla elaborazione del periodo di paga. 

Report voci di corpo tale tabulato, presente nel Menu' Controlli, effettua una stampa dei dipendenti di una ditta , elencando gli importi percepiti o trattenuti , mese per mese, di  determinate Voci di corpo presenti nei rispettivi cedolini mensili, con un massimo di sei.
E' possibile effettuare una selezione dei dipendenti interessati al report. 



    Versione  16.30 - Fondo di solidarieta' residuale
 Modello Uniemens per i lavoratori marittimi, per il recupero della contribuzione arretrata.


   16.30 Torpedo Marittimi -Recupero contribuzione Gen-Sett.2016 Fondo di solidariera' residuale - Fermo tecnico e CIG in deroga

Recupero contribuzione Gen-Sett. 2016  Fondo di solidarieta' residuale
Se gli accumuli dei lavoratori sono regolarmente attestati a tutto il mese di Settembre 2016, potra' essere utilizzata la modalita' di calcolo 12 (Calcola su imponibile Inps Accumulo Anno) nella voce di corpo, che avra' queste caratteristiche:  
                                                 
Descrizione voce        %Maggiorazione     Tipo calcolo              Tipo voce 
F.DO SOLID.RES.          0.45  oppure 0.65       12                                  0      

Elementi esclusi          %Assogg.INPS       %Assogg.IRPEF         Assog.Cassa Marittima  
     0                                 0                               0                                  1     
      
Comp./tratten.          Tipo trattenuta                                         
         2                              0   
Riga DM10 (B/C)     Riga DM10 D         Tipo calcolo DM10 (B/C)
indicare un rigo (M131/M149)                     0   

Elem. UniEmens      Cod.Uniemens 1     Codice Uniemens 2    
25 o 33                      M131 o M149 

Ricordiamo che 1/3 di tale contribuzione e' a carico del lavoratore, e potra' procedersi al recupero del periodo Gen/Sett. 2016 con la stessa modalita' di calcolo 12 e come maggiorazione si indichera' 1/3 di 0.45 oppure di 0.65.                                  
                 
Codici ed aliquote Recupero contribuzione Gen-Sett. 2016 Fondo solid.residuale
In base alla forza esistente nel semestre precedente occorre stabilire se la ditta e' soggetta al contributo dovuto per il Fondo di Solidarieta, secondo queste misure:
Elem. UniEmens      Cod.Uniemens 1     Forza  Azienda     Aliquota        
25 o 33                      M149                      >5 fino a 15       0,45
25 o 33                      M131                      > 15                 0,65
 
Voci proposte in cedolino                                                   
Nella parte anagrafica del lavoratore viene data la possibilita' di inserire 2 voci che verranno proposte durante lo sviluppo del cedolino. Alla fine dello sviluppo della presenza esiste  la possibilita' di far proporre fino a 5 voci aggiuntive, con un massimo pertanto di 7 voci.
Tuttavia tra le voci proposte potrebbero figurare quelle voci che dovrebbero essere inserite per ultime, dato il loro calcolo particolare, pertanto in questo caso con la pressione del tasto F7, facciamo si' che dopo aver inserito la voce in sostituzione, nel rigo successivo, sara' riproposta la voce precedente, e cosi' via. In questo modo non corriamo il rischio di dimenticare qualcosa.

Cig in deroga - Fermo tecnico 
Per agevolare la compilazione del flusso uniemens, nei casi di fermo tecnico (fermo biologico) con relativo trattamento di CIG in deroga da parte dell'INPS,  sono state apportate alcune importanti modifiche : 
Voci di corpo : Occorre creare una voce di corpo da inserire nei cedolini dei marittimi interessati, che  avra' solamente una funzione descrittiva (non opera calcoli) ma permettera', in fase di creazione uniemens, la compilazione delle settimane di copertura previdenziale. Il tipo di calcolo da indicare sara' "forfait" e in seguito si indichera'  0 (zero) nel cedolino. Dato essenziale e' l'indicazione ai fini Uniemens e pertanto la voce avra' il codice 17 come elemento Uniemens.
Registrazione presenze  : per i marittimi interessati alla CIG in deroga sara' opportuno indicare nella chiusura della presenza il codice della voce appositamente creata. Tale codice sara' richiamato automaticamente nella fase di sviluppo cedolino, e l'importo da indicare, come gia' detto, sara' zero.
Preparazione Uniemens  :  intercettando la voce di corpo "CIG in deroga" di cui sopra, il programma chiedera' di elencare per ogni settimana il tipo di copertura previdenziale, che sara' di tipo "0": nessun dato va' indicato come codice evento.




 Codici recupero contribuzione Gen-Sett. 2016 Fondo di solidarieta' residuale
Sono stati corretti i codici Uniemens per gli importi relativi al recupero dei contributi Gen-Sett, secondo lo schema allegato. Riscaricando la versione di Torpedo risulteranno corretti i codici proposti nell'Archivio Voci di Corpo.
 
Elem. UniEmens      Cod.Uniemens 1     Forza  Azienda     Aliquota        
25 o 33                      M149                      >5 fino a 15       0,45
25 o 33                      M131                      > 15                 0,65
 
 

   Torpedo Paghe 16.65 - Bilateralita' Imprese Artigiane EBNA- Modulistica

Nei formulari della Ditta e dei Dipendenti sono presenti rispettivamente i moduli per l'iscrizione all'EBAS (Mod.1000) e la Scheda Informativa dei Lavoratori (Mod.2000).


   Recupero contribuzione Gen-Sett. 2016  Fondo di solidarieta' residuale
Se gli accumuli dei lavoratori sono regolarmente attestati a tutto il mese di Settembre 2016, potra' essere utilizzata la modalita' di calcolo 14 (Calcola su imponibile Inps Accumulo Anno) nella voce  
                                                 
                                               Recupero contributi Gennaio-Settembre 2016

Descrizione voce        %Maggiorazione     Tipo calcolo              Tipo voce 
F.DO SOLID.RES.          0.45  oppure 0.65       14                                  0      

Elementi esclusi          %Assogg.INPS       %Assogg.IRPEF         Assog.INAIL
         0                              0                        0                           1     
Assogget.T.F.R.         Ass.cassa edile        %Assogg.altro ente   Importo 
         1                              1                        0                          0       
Voce collegata                                         Accant.cassa edile                  
         0                                                        0       
Comp./tratten.          Tipo trattenuta                                         
         2                              0   
Riga DM10 (B/C)     Riga DM10 D         Tipo calcolo DM10 (B/C)
indicare un rigo (M131/M149)                     0   

Elem. UniEmens      Cod.Uniemens 1     Codice Uniemens 2    
25 o 33                      M131 o M149 

Ricordiamo che 1/3 di tale contribuzione e' a carico del lavoratore, e potra' procedersi al recupero del periodo Gen/Sett. 2016 con la stessa modalita' di calcolo 14 e come maggiorazione si indichera' 1/3 di 0.45 oppure di 0.65.                                  
                 

   Torpedo Paghe 16.60 - Bilateralita' Imprese Artigiane EBNA
Scarica la nota diramata da www.fondofsba.it 
Nel 2016 i Consigli Direttivi di EBNA e di FSBA hanno deliberato in merito alla nuova contribuzione a cui devono attenersi le imprese e i lavoratori al fine di ottenere le prestazioni previste dal Decreto Legislativo 148/2015.
L'EBNA, in conformità con quanto previsto dalla Legge 183/2014, dal D.Lgs. 148/2015, dagli accordi interconfederali in materia e dalle relative comunicazioni del Ministero del Lavoro, il 19 gennaio 2016 ha deliberato quanto segue:
• A partire dal 1° gennaio 2016, per le imprese per le quali non trovano applicazione i trattamenti di integrazione salariale previsti dal Titolo I° del D.Lgs. 148/2015, i versamenti per ogni lavoratore in forza nel mese saranno composti dalla somma di una cifra fissa destinata ad EBNA pari a 7,65 euro al mese per 12 mensilità, e di una percentuale destinata ad FSBA calcolata sulla retribuzione imponibile previdenziale pari allo 0,45% a carico dei datori di lavoro. A partire dal 1° luglio 2016, tale percentuale sarà incrementata dello 0,15% della retribuzione imponibile previdenziale.
L'incremento dello 0,15% sarà a carico dei lavoratori e la relativa somma sarà trattenuta dalla busta paga degli stessi.
La quota di contribuzione in cifra fissa mensile pari a 7,65 euro è dovuta per intero anche per tutti i lavoratori con contratto part-time, in quanto gli stessi lavoratori usufruiscono in egual misura delle prestazioni coperte dal contributo.
• Per le sole imprese per le quali trovano invece applicazione i trattamenti di integrazione salariale previsti dal Titolo I° del D.Lgs. 148/2015 proseguiranno a versare 125 euro annui, in ragione dell’applicazione dei Contratti nazionali di lavoro, e delle prestazioni loro erogate.
La relativa quota di contribuzione in cifra fissa mensile pari a 10,42 euro è dovuta per intero anche per tutti i lavoratori con contratto part-time, in quanto gli stessi lavoratori usufruiscono in egual misura delle prestazioni coperte dal contributo.
F24 ed Uniemens: come versare
Le imprese aderenti devono versare su F24 una quota omnicomprensiva per la nuova bilateralità. L’iscrizione si perfeziona tramite versamento mensile su modello F24, rigo unico, nella “SEZIONE INPS” con causale tributo “EBNA”, attribuito dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 70/E del 08/07/2010.
Detto versamento ricomprende in un’unica quota quanto destinato a EBNA e funzionamento FSBA, la sicurezza sul lavoro, le quote per la rappresentanza e le prestazioni che vengono erogate dagli Enti Bilaterali Regionali nonché il loro funzionamento.
Parallelamente, nella denuncia Uniemens, nella sezione denuncia individuale, occorre valorizzare il codice “EBNA” (INPS, circ. 122/2010) nell’elemento <CodConv> dell’elemento <Conv>, con il relativo importo mensile, composto sia dalla quota fissa che dalla quota variabile, ed il relativo mese di competenza del versamente effettuato nell’attributo <Periodo>.
Scarica la nota diramata nel sito www.fondofsba.it

Anagrafica Azienda : nella pagina 2 e' stato inserito un nuovo campo che accoglie il dato EBNA, secondo questa distinzione: 0=non opera,  1=Aziende senza trattamento di integrazioni salariali,  2=Aziende con trattamento di integrazioni salariali previsti dal Titolo I del D.Lgs. 148/2015.
Voci di corpo : per calcolare correttamente il contributo di solidarieta' del 10% e farlo transitare nel Mod.Uniemens occorre creare una voce di corpo con queste caratteristiche:

Descrizione voce        %Maggiorazione     Tipo calcolo              Tipo voce 
Quota Solid.10%               100                       4                                0      
Elementi esclusi          %Assogg.INPS       %Assogg.IRPEF         Assog.INAIL
         0                              0                         0                                1     
Assogget.T.F.R.         Ass.cassa edile        %Assogg.altro ente   Importo 
         1                              1                         0                                0.22  oppure 0.50        
Voce collegata                                         Accant.cassa edile                  
         0                                                        0       
Comp./tratten.          Tipo trattenuta                                         
         2                              0   
Riga DM10 (B/C)     Riga DM10 D         Tipo calcolo DM10 (B/C)
indicare un rigo (M980)                  0          0 
Elem. UniEmens      Cod.Uniemens 1     Codice Uniemens 2    
25                            M980 

Sviluppo cedolino  : per le aziende soggette a tale contribuzione viene calcolato il contributo per ciascun dipendente secondo la differenziazione stabilita dalle due diverse tipologie. Alla chiusura del cedolino viene evidenziato l'importo del contributo calcolato (visualizza cedolino).
DatiRetributivi  : verranno evidenziati gli importi dei contributi per Bilateralita' per la parte che riguardera' il Mod.F24 .
Modello F24  : l'importo per bilateralita' comparira' nella Sezione INPS, ma occorrera' scaricare dapprima  la versione 

   16.20 di Startax F24


Modello Uniemens  : l'importo comparira' nella sezione Bilateralita' del dipendente: non occorre eseguire l'aggiornamento del Menu' Professional, attestato gia' alla Versione  16.20.





   Torpedo Paghe 16.50 - Voci proposte in cedolino
                                                   
Nella parte anagrafica del lavoratore (terza pagina) viene data la possibilita' di inserire 5 voci che verranno proposte durante lo sviluppo del cedolino. Di recente e' stata introdotta, durante lo sviluppo della presenza, la possibilita' di far proporre fino a 5 voci aggiuntive, con un massimo pertanto di dieci voci.
Tuttavia tra le voci proposte potrebbero figurare quelle voci che dovrebbero essere inserite per ultime, dato il loro calcolo particolare (esempio : imponibile INPS del mese che ancora si deve formare), pertanto in questo caso siamo costretti a cambiare codice ed inserire un'altra voce, perdendo cosi' la voce che era stata proposta.
Ma con questo aggiornamento abbiamo risolto il problema !
Se dobbiamo sostituire una voce proposta, con la pressione del tasto F7, facciamo si' che dopo aver inserito la voce in sostituzione, nel rigo successivo, sara' riproposta la voce precedente, e cosi' via. In questo modo non corriamo il rischio di dimenticare qualcosa.


   16.20 Torpedo Marittimi - Fermo tecnico e CIG in deroga
 
Per agevolare la compilazione del flusso uniemens, nei casi di fermo tecnico (fermo biologico) con relativo trattamento di CIG in deroga da parte dell'INPS,  sono state apportate alcune importanti modifiche : 
Voci di corpo : Occorre creare una voce di corpo da inserire nei cedolini dei marittimi interessati, che  avra' solamente una funzione descrittiva (non opera calcoli) ma permettera', in fase di creazione uniemens, la compilazione delle settimane di copertura previdenziale. Il tipo di calcolo da indicare sara' "forfait" e in seguito si indichera'  0 (zero) nel cedolino. Dato essenziale e' l'indicazione ai fini Uniemens e pertanto la voce avra' il codice 17 come elemento Uniemens.
Registrazione presenze  : per i marittimi interessati alla CIG in deroga sara' opportuno evidenziare, nella chiusura della presenza, il codice della voce appositamente creata. Tale codice sara' richiamato automaticamente nella fase di sviluppo cedolino, e l'importo da indicare, come gia' detto, sara' zero.
Preparazione Uniemens  :  intercettando la voce di corpo "CIG in deroga" di cui sopra, il programma chiedera' di elencare per ogni settimana il tipo di copertura previdenziale.


 
   Torpedo Paghe 16.40 - Autoferrotramvieri
                                                    
I lavoratori di questo comparto sono distinti dalle seguenti tipologie:
Tipo lavoratore X4 : Lavoratori Fondo Autoferrotamvieri iscritti prima del 31/12/1995
Tipo lavoratore Z4 : Lavoratori Fondo Autoferrotamvieri iscritti dopo il 31/12/1995
Tale informazione e' gia' inserita nell'archivio Qualifiche.
Entrambe le tipologie di lavoratori espongono nel Modello Uniemens un importo per Contributo Fondo Sostitutivo calcolato secondo l'aliquota indicata nel nuovo campo dell'Anagrafica Azienda , presente nella pagina 2.
Tale aliquota e' un "di cui " della aliquota globale dei contributi dovuti dall'azienda.
I lavoratori con tipologia X4  presentano inoltre una Retribuzione Accessoria che confluisce nell'Imponibile previdenziale.
Tale retribuzione accessoria sara' calcolata da una o piu' voci di corpo il cui codice Uniemens
dovra' essere 59.
Pertanto le modifiche apportate con tale versione saranno:
 Anagrafica Azienda : Inserimento di un nuovo campo relativo all'aliquota del contributo Fondo Sostitutivo.   
Voci di corpo : Inserimento di un nuovo elemento Uniemens (codice 59) per far confluire gli importi della Retribuzione Accessoria.



    Versione  16.20 - Autoferrotramvieri
 Modello Uniemens per i lavoratori autoferrotramvieri.


   clicca in un punto del testo per scaricare il pdf
Forzatura Invio Telematico Mod. UNICO
Quando i controlli SOGEI rilevano la presenza di errori classificati come:
«(***C), Errore di entità rilevante che determina lo scarto della
dichiarazione. Qualora, in presenza di tali segnalazioni, si intenda
comunque procedere alla trasmissione della dichiarazione, è necessario
confermare i dati in essa contenuti, avvalendosi delle funzionalità rese
disponibili dal software utilizzato per la compilazione. Con la 'conferma'
si attesta di aver preso visione delle segnalazioni evidenziate».
Per l’invio delle Dichiarazioni segnalate da SOGEI
è quindi necessaria la forzatura dell’invio telematico

                      

    Aggiornamento : 16.60.10 vedi pagina Mitos



Entro il 20 settembre
i soggetti IVA che nel 2015 hanno avuto rapporti con Paesi a fiscalità privilegiata cd. black list per un importo maggiore di 10.000 euro, devono presentare la Comunicazione black list.
L'Agenzia delle Entrate in un comunicato stampa di ieri 14 settembre  ricorda che per  l’individuazione dei Paesi, per i quali è obbligatorio comunicare le operazioni effettuate durante il periodo d’imposta 2015, occorre fare riferimento agli Stati e territori, che godono di un regime fiscale privilegiato, indicati dai Decreti Ministeriali del 4 maggio 1999 e del 21 novembre 2001.
I nuovi criteri di individuazione dei Paesi a fiscalità privilegiata previsti dal decreto internazionalizzazione prima e dalla legge di stabilità 2016 dopo non hanno rilevanza ai fini della comunicazione black list in scadenza.
Si ricorda che l'invio della Comunicazione riguarda i soggetti passivi Iva che nel 2015 hanno effettuato operazioni con operatori economici aventi sede, residenza o domicilio negli Stati o territori a regime fiscale privilegiato (Paesi c.d. "black-list") per un importo maggiore di 10.000 euro. Le operazioni comprendono cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate e ricevute, registrate o soggette a registrazione, nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi c.d. "black-list" 
La comunicazione deve:
  • essere presentata utilizzando il quadro BL del "modello di comunicazione polivalente"
  • essere presentata esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati, utilizzando il modello disponibile sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it.

Con KEGON vers.16.30  gia' rilasciato ad inizio mese si stabilisce che la comunicazione viene effettuata con la compilazione del quadro BL della comunicazione polivalente. 
Nell'archivio dei sottoconti Clienti e Fornitori occorre indicare la tipologia 3 nel campo "Allegato".
Il software per la comunicazione si trova all'interno del Menu' della Comunicazione Polivalente: "Comunicazione annuale black list" .

 FISCO
Ultimi giorni per evitare il reato di omesso versamento delle ritenute
Per escludere la rilevanza penale, entro il termine di presentazione del Mod.770 vanno versate le ritenute operate nel corso del 2015
Il termine del 15 settembre, previsto per la presentazione della dichiarazione annuale dei sostituti d’imposta (come prorogato dal DPCM 26 luglio 2016), impatta anche sulle possibili conseguenze penali dell'omesso versamento delle ritenute. Ai sensi dell'art.10 10 bis del DLgs 74/2000 e' punito con la reclusione da sei mesi a due anni chiunque non versi le ritenute dovute ...(omissis)




Circolare n. 176 del  9/09/2016
Fondo di integrazione salariale. Decreto interministeriale n. 94343
del 3 febbraio 2016 di adeguamento della disciplina del Fondo di
solidarietà residuale alle disposizioni del Decreto legislativo n. 148
del 14 settembre 2015.

Come riportato nel messaggio n. 306/2016, per le imprese con più di quindici dipendenti già rientranti nell’ambito di applicazione del Fondo di solidarietà residuale, l’aliquota contributiva pari allo 0,65% delle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali di tutti i lavoratori dipendenti, con esclusione dei dirigenti, è stata aggiornata a far data dal 1° gennaio 2016.
Viceversa, per i datori di lavoro con media occupazionale tra più di 5 e 15 dipendenti, a decorrere dal mese di ottobre 2016, ai fini della compilazione del flusso Uniemens, la contribuzione ordinaria, pari allo 0,45%, sarà calcolata nella aliquota complessiva applicata sulle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali di tutti i lavoratori dipendenti, con esclusione dei dirigenti, con differenziazione delle aliquote descritte al paragrafo 5.
Ai fini del versamento del contributo ordinario, dovuto per le mensilità da gennaio a settembre 2016, le aziende valorizzeranno all’interno di <DenunciaAziendale> <AltrePartiteADebito>  l’elemento <AltreADebito> ed indicando i seguenti dati:
in <CausaleADebito> il codice “M131” o “M149”;
in <Retribuzione> l’importo dell’imponibile, calcolato sulla retribuzione imponibile ai fini previdenziali di tutti i lavoratori dipendenti, esclusi i dirigenti;
in <SommaADebito> l’importo del contributo pari allo 0,45% dell’imponibile contributivo (da >5 a 15 dipendenti); pari allo 0,65% dell’imponibile contributivo (da >15 dipendenti).
 
   Torpedo Paghe 16.30 Fondo di solidarieta' residuale

    
In sede di Uniemens verra' calcolata automaticamente la Retribuzione arretrata Gen-Sett. presa a base per il conteggio.
Si segnala che il programma Uniemens dell'INPS ancora non e' aggiornato sui nuovi codici M131 e M149: si prevede
il rilascio di una nuova versione, speriamo in tempo utile !! 


                                       Modifica codici per Cedolare Secca

   16.21 di Torpedo Paghe & Contributi  
   16.11 di Startax F24
   16.11 di Torpedo Marittimi
 
Con le nuove versioni 16.21 di Torpedo Paghe & Contributi, 16.11 di Torpedo Marittimi e  16.11 di Startax F24 vengono modificati alcuni codici previsti per l'assistenza fiscale della Cedolare Secca.
I codici 1840, 1841, 1842 previsti per Acconto 1 Rata, Acconto 2 Rata e Saldo sono destinati all'autotassazione, e cioe' al versamento diretto del Contribuente a seguito della presentazione del Modello Unico. 
Invece il Sostituto d'imposta che effettua l'assistenza fiscale dovra' utilizzare i seguenti codici:
1845 per Acconti 
1846 per Saldo.
Occorre riscaricare le tre procedure interessate.




    Torpedo Marittimi 16.10 - Assistenza fiscale - Cedolare Secca - Differenziazione tra assistenza fiscale prestata al lavoratore ed al coniuge.

Voci di corpo : Inserimento di un nuovo campo che serve a specificare se l'assistenza fiscale, relativa alla voce utilizzata, riguarda il lavoratore o il coniuge. Cio' al fine di poter gestire integralmente il quadro di assistenza fiscale della C.U.  Tra le tipologia di voce viene inserita l'assistenza per Cedolare Secca, con queste caratteristiche:
Cod. 36 - Cedolare secca - Acconto 1^  rata
Cod. 37 - Cedolare secca - Acconto 2^  rata
Cod.38  - Cedolare secca - Saldo
Cod.46  - Cedolare secca - Rimborso
Dati retributivi - Sezione F24 : viene intercettata l'assistenza fiscale per Cedolare secca, e vengono esposti i dati per il Mod.F24 secondo queste specifiche:
Erario - Cod.tributo 1845 - Acconto 1^ rata Cedolare
Erario - Cod.tributo 1845 - Acconto 2^ rata Cedolare
Erario - Cod.tributo 1846 - Saldo Cedolare
Erario - Cod.tributo 1844 - Credito per rimborso Cedolare

Ovviamente tali codici saranno trasmessi al programma di creazione Mod.F24, presente nel seguente aggiornamento:


     Versione  16.10 - Esposizione codici tributo Cedolare Secca -Marittimi

Scaricare gli aggiornamenti dalla piattaforma Profes



Torpedo Paghe 16.20 - Assistenza fiscale - Cedolare Secca - Differenziazione tra assistenza fiscale prestata al lavoratore ed al coniuge.

Voci di corpo : Inserimento di un nuovo campo che serve a specificare se l'assistenza fiscale, relativa alla voce utilizzata, riguarda il lavoratore o il coniuge. Cio' al fine di poter gestire integralmente il quadro di assistenza fiscale della C.U.  Tra le tipologia di voce viene inserita l'assistenza per Cedolare Secca, con queste caratteristiche:
Cod. 36 - Cedolare secca - Acconto 1^  rata
Cod. 37 - Cedolare secca - Acconto 2^  rata
Cod.38  - Cedolare secca - Saldo
Cod.46  - Cedolare secca - Rimborso

Vengono sostituiti pertanto i precedenti codici 36,37,38 che riguardavano Acconto Irpef-Saldo Irpef e Add.Com.le
per il coniuge.

Dati retributivi - Sezione F24 : viene intercettata l'assistenza fiscale per Cedolare secca, e vengono esposti i dati per il Mod.F24 secondo queste specifiche:
Erario - Cod.tributo 1845 - Acconto 1^ rata Cedolare
Erario - Cod.tributo 1845 - Acconto 2^ rata Cedolare
Erario - Cod.tributo 1846 - Saldo Cedolare
Erario - Cod.tributo 1844 - Credito per rimborso Cedolare

Ovviamente tali codici saranno trasmessi al programma di creazione Mod.F24, presente nel seguente aggiornamento:


     Versione  16.02 - Esposizione codici tributo Cedolare Secca 

Scaricare gli aggiornamenti dalla piattaforma Profes
  
                          

    Aggiornamento : 16.60.01 vedi pagina Mitos




   KEGON vers.16.30 - Comunicazione Black List 

Comunicazione telematica annuale  per operazioni superiori ad Euro 10.000,00 effettuate nei confronti di operatori economici appartenenti alla "Black List" per il periodo d'imposta 2015. La comunicazione deve essere  presentata entro il 20 Settembre. 

La comunicazione viene effettuata con la compilazione del quadro BL della comunicazione polivalente. 
Nell'archivio dei sottoconti Clienti e Fornitori occorre indicare la tipologia 3 nel campo "Allegato".
Il software per la comunicazione si trova all'interno del Menu' della Comunicazione Polivalente.


   KEGON vers.16.20 - Acquisti San Marino 

Comunicazione telematica mensile per acquisti senza applicazione dell'Iva nei confronti di operatori di San Marino
Con l'uscita dalla Black List di San Marino sorge l'obbligo di comunicare entro la fine del mese successivo all'acquisto i dati delle fatture senza applicazione dell'Iva da parte di operatori di San Marino, tramite la compilazione del quadro SE della comunicazione polivalente. 
Gli acquisti, invece, con applicazione dell'iva dovranno essere comunicati in occasione dell'invio dello  "Spesometro"  attraverso la compilazione del quadro BL.
Nell'archivio dei sottoconti fornitori occorre indicare la tipologia 5 nel campo "Allegato" per gli operatori di San Marino.
La comunicazione mensile si trova all'interno della Comunicazione Polivalente.


 L’invio dei modelli 770 slitta al 15 settembre
Pubblicato in Gazzetta il DPCM 26 luglio 2016, che ufficializza il differimento del termine
Dopo le anticipazioni dei giorni scorsi, con la pubblicazione sulla G.U. n. 176 del DPCM 26 luglio 2016, è ufficiale il differimento dal 22 Agosto al 15 Settembre del termine per la presentazione in via telematica dei Mod.770/2016.


      Versione  16.90 - Controllo File telematici

Adesso con la versione 16.90 siamo in una botte di ferro !! - Rilascio del programma di controllo del file telematico  

La dichiarazione 770/2016, cosi' come e' stata concepita nell'ottica di una semplificazione di adempimenti, presenta  molti difetti. Quello piu' grave e' la mancanza di un dato di riscontro dei dati relativi ai versamenti delle ritenute, ed il relativo programma di controllo Entratel, al di la' dei controlli formali,  non puo' controllare e segnalare se manca qualcosa. Sarebbe bastato inserire in una sezione del frontespizio un campo contenente il totale delle ritenute presenti nei quadri ST e SV.   In questo modo il programma di controllo della Sogei  avrebbe potuto fare una semplice sommatoria delle ritenute riportate nel file telematico, e confrontare il risultato con quanto indicato nel frontespizio.  
Noi ci siamo sforzati di fornire tanti elementi di riscontro, prelevando i dati dalle CU: questo ci ha permesso di effettuare una verifica molto importante. Ma cio' non basta per farci stare tranquilli e sicuri : se per un motivo x viene omessa la scrittura fisica di uno o piu' versamenti nel file telematico, il programma di controllo del 770 ci dira' che e' tutto a posto, il file e' privo di errori  e puo' essere trasmesso:  noi in realta'  presenteremo un elenco telematico di versamenti deficitario, aprendo cosi' una strada per un sicuro contenzioso con l'Agenzia delle Entrate.
Come possiamo difenderci ? 
In questi giorni abbiamo verificato decine e decine di file telematici, apportanto ogni giorno le dovute correzioni  in base alle  segnalazioni  pervenuteci dai clienti, ed abbiamo riflettuto...
Abbiamo pensato che l'unico modo e' poter rileggere il file telematico, e rintracciare le informazioni relative ai versamenti.
Adesso viene rilasciato un un programma che eseguira' proprio questo, ma e'  indispensabile effettuare l'aggiornamento. 
Adesso siamo davvero in una botte di ferro !!   
E' possibile eseguire pure l'alternativa di affidarci direttamente ad Entratel , ma puo' essere complicato per qualcuno:
- Lanciare il programma ENTRATEL 
- Selezionare Documenti
- Scegliere Visualizza
- Indicare il file prodotto dal nostro programma di creazione telematico
- Cliccare nel codice fiscale che compare nella finestra del contenuto del file
- Fare scorrere la finestra verso il basso fin tanto che non compariranno le sequenze dei versamenti, cosi' come riportate nel nostro report predisposto dopo la creazione telematica della dichiarazione, e confrontarle. Di sicuro nel report sono riportate tutte le ritenute: cosi' deve essere anche nel file telematico.
Se avete dubbi mettevi in contatto..

CSED Software
Tony Di Gregoli
                       


   Versione  16.80 - Nuovi programmi

Creazione Telematico Con questa versione vengono risolte tutte le anomalie segnalate dai Clienti a seguito dei   controlli Entratel.

Elenco ritenute  nel programma di Gestione Ritenute e' stata inserita  la funzione di visualizzazione per Sezione  dei quadri St e SV

Elenco Sostituti  nel Menu "Utilita' " e' stato inserito un nuovo programma "Elenco Sostituti"  che realizza un tabulato completo delle dichiarazioni gestite.

                                                      Proroga 770/2016 al 22 Agosto 2016
Confermata dall’Agenzia delle Entrate la proroga per l’invio del 770 2016 al 22 agosto, si affaccia l’ipotesi di un possibile ulteriore rinvio al 15 settembre.
Il termine del 22 agosto è confermato dallo scadenzario dell’Agenzia delle Entrate ed è motivato dal fatto che quest’anno il 31 luglio cade di domenica, ma dal 1° agosto scatta il differimento di tutti i termini tributari al 20 agosto che però cade di sabato, si arriva così al 22 agosto.
Le associazione spiegano che questa nuova proroga non comporterebbe nessun danno alle Casse dello Stato, l’obiettivo è di concedere alla categoria di concentrarsi sui numerosi e complicati adempimenti che aiutano l’Erario nell’incassare il gettito fiscale.


              Versione  16.71 - Anomalie Telematico

Risolte alcune anomalie segnalate nella creazione del file telematico.


              Versione  16.70 - Stampa & Telematico

Con l'odierna versione rilasciata si completa il pacchetto software del Mod.770/2016. 
Tenuto conto che i moduli di controllo Entratel (versione 1.1.1) recano la data del 12/Luglio/2016 possiamo dire di essere stati velocissimi.
Nel contempo sono state riviste alcune piccole anomalie nella visualizzazione della quadratura: a tale proposito e' bene ricordare che la quadratura e' una nostra invenzione , per uso prettamente interno. Eventuali difformita' non influiscono sui dati che saranno stampati o trasmessi col file telematico: l'importante e' che i versamenti risultino correttamente indicati nei quadri ST e SV, e che nel quadto SX siano presenti i dati di eventuali crediti e del Bonus Renzi 2015, dati che vengono prelevati in modo automatico dalla procedura.
Ricordiamo ancora che la barratura dei quadri compilati ST,SV,SX avviene automaticamente, sempre che si effettua l'accesso nella gestione dei rispettivi quadri col tasto F10.
Stampa modello e' possibile scegliere se stampare le singole pagine del Modello, e cioe':
-Frontespizio
-Quadro ST
-Quadro SV
-Quadro SX
-Impegno alla trasmissione
Creazione telematico oltre al file telematico  viene elaborato un report che visualizza i dati significativi  contenuti nel file, utile al controllo.
Controlli Sogei bisogna aggiornare la versione Entratel all 559 :
                                --->     Entratel559_ALL.exe    .... clicca per scaricare
e poi scaricare il Modulo di controllo del 770  del 12 Luglio 2016 :
                                 -->     ModuliControllo770_77s_2016_111.exe  .... clicca per scaricare

                                


              Versione  16.65 - Quadratura

Quadratura Corrette piccole anomalie nei casi di integrazione di CU da Lavoro Autonomo. 
Corretto nella quadratura il riporto delle ritenute di Addiz.li Reg.Li e Com.li to  2015 dalla CU.


  Attenzione !!  Doppio invio Mod.770 a rischio : leggi l'articolo


   KEGON vers.16.10 
Reverse Charge: le operazioni soggette ad inversione contabile IVA
La Legge di Stabilità 2015 ha introdotto novità in tema di operazioni soggette Reverse Charge ai fini IVA, con l'obiettivo di prevenire frodi fiscali e combattere l’evasione connessa al versamento dell’IVA. Più in particolare l'ultima Legge di Stabilità ha ampliato la platea delle operazioni soggette al meccanismo dell’inversione contabile che consente al prestatore di non adempiere ad alcuni obblighi relativi all’assolvimento dell’IVA, che vengono assolti direttamente dai cessionari/committenti.

- Registrazione prima nota
Tra le modalita' di registrazione e' stata inserita la seguente voce : " Vendite  Reverse" che permette di registrare sia le "Vendite Intracomunitarie"  che le fatture di "Vendita in Reverse Charge". Vengono create tre distinte registrazioni : 1) Registrazione fattura emessa ; 2) Registrazione dell'iva come operazione attiva; 3) Giro conto Cliente - Fornitore, per l'importo dell'IVA 





    Versione  16.60 - Quadratura

Quadratura Una nuova impostazione di questo programma permette una piu' chiara esposizione dei dati  sensibili alla quadratura delle ritenute esposte nella CU, nei quadri ST-SV, e nel quadro SX. Viene evidenziata anche l'imposta sostitutiva sul TFR, che prima veniva  totalizzata assieme alle ritenute di lavoro.

Quadro SX Dato che il modello vuole indicato l'importo del Bonus Renzi erogato nel 2015 saranno quasi tutti i Sostituti obbligati alla compilazione del quadro SX.
Mentre si lavora con il quadro SX e' possibile effettuare la stampa del modello ministeriale premendo il tasto F5.
Quando si unificano piu' certificazioni facenti capo allo stesso contribuente vengono totalizzate sia le informazioni inerenti le singole CU nonche' quelle relative ai versamenti dei quadri ST/SV.




    Versione  16.50 - Quadratura

Quadro SX mentre si lavora con il quadro SX e' possibile effettuare la stampa del modello ministeriale, per una migliore comprensione dei dati da esporre.
Quando si unificano piu' aziende paghe facenti capo allo stesso contribuente vengono totalizzate sia le informazioni inerenti le singole CU nonche' quelle relative ai versamenti dei quadri ST/SV.

Quadratura con questo software vengono presi in considerazione tutti i dati  utili alla quadratura della dichiarazione.


   Versione  16.40 - Quadro SX/770

Frontespizio tra i dati del frontespizio e' possibile inserire l'importo del Credito risultante dalla dichiarazione 770/2014 che transitera' nel quadro SX.
Protezione dichiarazione e' possibile inserire il "Blocco" della dichiarazione per evitare di modificare dei dati gia' controllati e verificati.
Quadro SX la compilazione del quadro avviene in modo totalmente automatico, e vengono prelevati i dati dalla C.U e dai versamenti dei quadri ST e SV, anche da piu' ditte di Paghe o Marittimi. L'importo del Bonus Renzi viene ereditato dalla C.U. ma vengono anche controllati gli importi che risultano compensati a credito nei Mod.F24: se esistono differenze viene effettuata una segnalazione. Tuttavia il dato che transitera' nel quadro SX e' lo stesso di quello indicato nella C.U., in quanto e' possibile che il Mod.F24 sia stato modificato per incapienza di versamento. Se esiste un credito finale e' opportuno ripartirlo tra "Crediti utilizzati in F24", "Crediti da utilizzare in compensazione" e "Credito di cui si chiede il rimborso". 
E' importante ricordare che dal 2015 non vengono piu' effettuate compensazioni "interne", e pertanto sia nel quadro SX che nei quadri ST e SV non dovranno essere riportati gli importi che il sostituto ha compensato a credito nel Mod.F24 con i codici 1631, 1627, 3796, 3797, 1628, 1629,1669,1671,6781,6782,6783.
Le imprese marittime beneficiarie del credito d'imposta  cosiddetto "Legge 30"  rientrano in questa nuova normativa, e pertanto dal 2015 hanno esposto l'agevolazione nel Mod.F24 con il codice 1634, per compensazione "esterna". 
Nel quadro SX non figurera'  tale credito d'imposta, alla stessa stregua degli altri codici su elencati.


       Aggiornamento : 16.50.00 vedi pagina Mitos


Torpedo Paghe 16.10 - Super Bonus Occupazione-Informativa Impianto di Videosorveglianza.

Con circolare n.89 del 24 Maggio 2016 l'INPS stabilisce le modalita' operative per l'erogazione dell'Incentivo Super Bonus Occupazione. Tale incentivo va' erogato in sostituzione dell'incentivo GAGI, qualora ricorrano le condizioni.

Voci di corpo : con i codici Elemento Uniemens 37 e 38 viene gestito l'Incentivo DD16 corrente e arretrato,  mentre con i codici  42 e 43 si gestisce l'incentivo DDSB corrente e arretrato. Valgono le caratteristiche generali gia' adottate per gli altri incentivi presenti.
Formulario :  nel Formulario del Menu' Dipendente e' stato inserito un nuovo programma per il rilascio ai dipendenti  dell'informativa obbligatoria in presenza di Impianti di Videosorveglianza.



    Versione  16.07
Forza aziendale il calcolo della forza aziendale, per i lavoratori a tempo parziale, e' determinato in base alla stessa percentuale di lavoro. Per un’ anomalia, che e’ stata risolta con questo aggiornamento, il dato “forza aziendale” veniva accumulato con le altre ditte, nel caso di invio multiplo. Scaricare da Profes, avendo l’accortezza di chiudere eventuali applicazioni Professional aperte anche da parte di altri client collegati in rete. 


   Versione  16.32

Rappresentante puo' capitare che successivamente all'invio della C.U. cambi il Rappresentante dell'Azienda. 
Pertanto e' stata prevista la memorizzazione ex novo del Rappresentante in carica per l'invio del Mod.770. 
Acccedendo nel Frontespizio-Rappresentante, una tantun, occorre effettuare il prelivo dei dati  del Rappresentante dalla C.U. ed entrare in modifica (F10) per rimemorizzarli o per cambiarli. Nei successivi accessi saranno visualizzati i dati aggiornati.

Versamento ritenute con ravvedimento inserendo nel quadro ST l'importo pagato del ravvedimento comprensivo di interessi  viene valorizzato il campo Interessi e barrata la casella Ravvedimento.

Riepilogo versamenti  ritenute e' stato inserito un nuovo rigo che accoglie i versamenti di eventuali altri codici tributo inseriti dall'utente, diversi da quelli normalmente gestiti.



   Versione  16.31

Prelievo ritenute se richiesto l'inserimento automatico della data di pagamento il programma tiene conto del calendario 2015, relativo alle scadenze del Mod.F24.
Riepilogo ritenute sia in visualizzazione, che in stampa, il riepilogo evidenzia le ritenute dovute e quelle versate, nonche' eventuali differenze.



     Modello 770/2016  Versione CSED-Software


Pronto il programma per gestire il Mod.770/2016, realizzato interamente dalla CSED,cosi' come avveniva fino all'anno 2000. 
In questi ultimi 15 anni ci siamo affidati ai famigerati files Sosti, Perci e Quadri77 per poter dialogare col Programma 770 della MITOS, e nel bene e nel male abbiamo lavorato.
Ma adesso, visto l'esordio della Nuova Certificazione di Lavoro, ci siamo indirizzati anche noi ad un drastico cambiamento. Ringraziamo la Mitos per la preziosa collaborazione offerta in questi anni.
    
                                                                 Come Cominciare
Dobbiamo pensare che la prima parte del 770, per intenderci  quella relativa a tutti i percettori di reddito, gia' e' stata presentata
con l'invio telematico della Certificazione Unica. La seconda parte, quella su cui ci soffermeremo adesso, sara' costituita dalla gestione dei versamenti delle ritenute, quadri ST e SV, nonche'  dai quadri SX e SY, piu' un'integrazione dei dati anagrafici del sostituto. Pertanto dobbiamo appunto partire dalla CU, e' non e' possibile caricare un frontespizio di 770 se non esiste gia' la CU.    
Nel Menu' 770 del Programma di Certificazione scegliamo FRONTESPIZIO, ed indichiamo "Preleva Dati Sostituto".
Verranno prelevate delle informazioni sul Sostituto , sul Rappresentante legale, sull'Intermediario, sempre che' nella CU siano indicati  correttamente le aziende e le tipologia di procedura (Paghe, Marittimi, Contabilita'). Dopo di che' sara' possibile accedere alle varie sezioni del Frontespizio, che troveremo prevalentemente gia' compilate in ampia parte.
                                                              Ritenute e Versamenti
Un unico programma permette di gestire:
Quadri ST sezione 1 e 2
Quadro SV
Prelievo versamenti, con la possibilita' di inserire automaticamente la data di versamento (ultima data utile)
Fusione dei versamenti con altre ditte anche se di procedure diverse
Riepilogo dei versamenti con riporto analitico degli importi per ogni codice tributo
Stampa del riepilogo
E' opporture ricordare che dal 2015 non vengono piu' effettuate le compensazioni interne, e pertanto nel quadro non sono presenti importi a credito in diminuzione del versamento, poiche' tali importi sono stati compensati a credito nel modello F24, con i codici di nuova istituzione.

A breve sara' rilasciato il programma telematico e la stampa del modello, ed ancor prima ila gestione del quadro SX e SY.


Occore inoltre aggiornare tutte le procedure elencate, che hanno subito degli interventi di ottimizzazione:

   Versione  16.20

  Versione  16.09

  Versione  16.02

   Versione  16.03


    Versione  16.01

    Versione  16.06

 
STRUMENTI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO COMPLETO DI NOTA INTEGRATIVA  (clicca per scaricare)
Strumenti aggiornati alla Tassonomia del bilancio completo di Nota Integrativa pubblicata sul sito XBRL Italia
La nuova versione di tassonomia 2015-12-14 in vigore dal 1 gennaio 2016 (Gazzetta Ufficiale nr. 302 del giorno 30-12-2015) è conforme al Codice Civile ed ai Principi Contabili Nazionali.
Essa rappresenta il completamento della precedente tassonomia 2014-11-17 proponendo i modelli informativi mancanti del rendiconto finanziario e delle operazioni in locazione finanziaria migliorando inoltre il modello proposto per rappresentare la fiscalità differita. 
Le istruzioni per redigere il bilancio completo sono contenute nel Manuale utente per la redazione del bilancio completo XBRL 2016. 
Per informazioni normative sulla tassonomia la invitiamo a consultare il portale di riferimento.
Strumento per la redazione del bilancio completo di nota integrativa in formato XBRL (istanza) conforme alla tassonomia vigente 2015-12-14.
E' disponibile un filmato che illustra come creare e validare un'istanza XBRL di un bilancio completo.
 
   Torpedo Paghe 16.08 - Computabilita' Legge 68/99
Per le aziende con piu' di 15 dipendenti soggette all'obbligo di assunzione delle persone disabili di cui alla legge n.68/99  e' indispensabile monitorare il personale complessivamente occupato.
Il computo della quota di riserva si effettua escludendo quei dipendenti per i quali gli obblighi di assunzione non sono operanti. 
Atteso che, sempre più frequentemente, per le aziende soggette al collocamento obbligatorio (assunzione disabili Legge 68/99),  che partecipano alle gare d’appalto, è richiesto il numero totale dei dipendenti computabili ai fini Legge 68/99 a livello nazionale, e a volte anche a livello provinciale, e' opportuno predisporre tale informazione nel prospetto relativo alla forza lavoro (Elenco dipendenti in forza). 
Dipendente Anagrafica : nella finestrella dei dati relativi alla percentuale di lavoro, ore effettuate e orario medio settimanale, e' stato aggiunto un nuovo campo che richiede con "S" (SI) o con "N" (NO) la computabilita' ai fni della legge 68/99. Tale informazione viene stampata nell'elenco dei dipendenti in forza e nel tabulato di calcolo della media occupazionale.


 
   Torpedo Paghe 16.07 - Incentivo  ASPI

Voci di corpo : con i codici Elemento Uniemens 47 e 48 viene gestito l'Incentivo ASPI Corrente e Arretrato, in sostituzione dell'incentivo WTOW. L’incentivo è pari al 50% dell'importo dell'indennità residua ASpI cui il lavoratore avrebbe avuto titolo se non fosse stato assunto. Create una voce di corpo con queste caratteristiche

Descrizione voce        %Maggiorazione     Tipo calcolo              Tipo voce 
INCENTIVO ASPI                100                     2                          0      
Elementi esclusi          %Assogg.INPS       %Assogg.IRPEF         Assog.INAIL
         0                              0                        0                           1     
Assogget.T.F.R.         Ass.cassa edile        %Assogg.altro ente   Importo 
         1                              1                        0                          0       
Voce collegata                                         Accant.cassa edile                  
         0                                                        0       
Comp./tratten.          Tipo trattenuta                                         
         2                              0   
Riga DM10 (B/C)     Riga DM10 D         Tipo calcolo DM10 (B/C)
         0                (L434) indicare un rigo                   0     indicare altro rigo per l'arretrato L435 
Elem. UniEmens      Cod.Uniemens 1     Codice Uniemens 2    
        47                          H00                                        indicare 48 per l'incentivo arretrato


       Versione 16.05

Modifica di UNIEMENS alla luce dell'Incentivo ASPI


Torpedo Marittimi 16.01

- Deduzioni IRAP   aggiornato il programma di calcolo delle deduzioni relative al periodo di imposta 2015. La novita' consiste nel determinare, in aggiunta alle consuete deduzioni, un importo pari alla differenza tra il costo effettivo di lavoro dipendente a tempo indeterminato, per come risulta dal bilancio di esercizio, ed il totale di tutte le altre deduzioni,  in modo da determinare il 100% del costo. E' opportuno farsi comunicare tale dato dal commercialista che gestisce la contabilita' fiscale e predispone il bilancio di esercizio. In mancanza di tale un importo che deve essere imputato all'inizio dell'elaborazione, il programma prendera' come riferimento il totale costo che risultera' dal tabulato di calcolo IRAP, ma sara' sempre opportuno far avvallare tale dato dal  commercialista della ditta.
- Addizionali 2015 rateizzate nel 2016  in vista della prossima CU 2017 vengono accumulate nei progressivi del dipendente le addizionali regionali e comunali. Con la prima elaborazione delle presenze mensili il programma effettuera' il prelievo di tali informazioni.
- Saldo contributi INPS   Capita che l'importo a saldo dei contributi INPS, nel modello Uniemens, differisce di 1 euro rispetto a quanto versato nel Mod.F24 e indicato nel vecchio 
modello DM10. 
Purtroppo la struttura del Modello Uniemens stravolge le regole del buon caro DM10, dove ogni singolo importo presente nei quadri a debito e a credito veniva arrotondato alle mille lire e successivamente dal 2002 all'unita' di euro. 
Il programma di controllo Uniemens segnala tale differenza, e rileva un "errore" forzabile, tuttavia sembra che l'INPS in questi giorni stia emettendo delle note di rettifica per recuperare tali "differenze". La cosa, se risultera' essere vera ,  e' davvero inaudita !
Alla luce di cio', e per evitare futuri problemi,  abbiamo apportate tutte le modifiche del caso, effettuanto degli arrotondamenti mirati nei tabulati di calcolo degli oneri, nella stampa laser del Mod.DM10, e nel programma di predisposizione del flusso Uniemens, a discapito purtroppo dell'eleganza espositiva.





      

                                                                    SPESOMETRO  2016

Proroga spesometro 2016. Anche i mensili al 20 aprile
 
Sono ritenuti validi gli invii effettuati entro il prossimo 20 aprile 2016 dei dati delle operazioni rilevanti ai fini Iva relativi al 2015, da parte degli operatori che effettuano la liquidazione mensile IVA. Con un provvedimento in corso di pubblicazione, l’Agenzia va incontro alle difficoltà tecniche rappresentate dai soggetti interessati da questo adempimento, la cui scadenza ordinaria è prevista per il prossimo 11 aprile (considerato che il 10 è domenica).

   KEGON vers.16.02 
Comunicazioni Telematiche Risolte piccole anomalie che scaturivano dalla modifica del quadro BL e dalle operazioni senza fattura. 


Circolare n. 57 del  29/03/2016
                          Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro
                          a tempo indeterminato effettuate nel corso dell’anno 2016

l'INPS, con la circolare di cui sopra, in verita' un po' in ritardo, stabilisce come operare con il nuovo incentivo biennale. L'incentivo si chiamera' BIEN  e sara' esposto nel Mod.Uniemens con modalita' analoghe a quelle dell'incentivo TRIE. 
Nell’ipotesi in cui, in un determinato mese, spetti un beneficio superiore alla soglia massima mensile di € 270,83, l’eccedenza può essere esposta nel mese corrente e nei mesi successivi e comunque rispettivamente entro il primo ed il secondo anno di durata del rapporto di lavoro, fermo restando il rispetto della soglia massima di esonero contributivo alla data di esposizione in UniEmens.
L’esposizione dell’agevolazione nel flusso UniEmens deve avvenire valorizzando all’interno di <DenunciaIndividuale>, <DatiRetributivi>, <AltreACredito> i seguenti elementi:
<CausaleACredito>, con l’indicazione del codice causale “L702” avente il significato di “conguaglio residuo esonero contributivo articolo unico, commi 178 e seguenti, legge n. 208/2015”.
 
   Torpedo Paghe 16.06 - Incentivo  BIEN

Voci di corpo : il codici previsti per il tipo Voce 39 e 40 valgono sia per l'incentivo TRIE che per il nuovo incentivo BIEN. Occorre creare una voce per l'incentivo BIEN corrente con queste  caratteristiche:

Descrizione voce        %Maggiorazione     Tipo calcolo              Tipo voce 
INCENTIVO BIEN                100                     10                          39      
Elementi esclusi          %Assogg.INPS       %Assogg.IRPEF         Assog.INAIL
         0                              0                        0                           1     
Assogget.T.F.R.         Ass.cassa edile        %Assogg.altro ente   Importo 
         1                              1                        0                          0       
Voce collegata                                         Accant.cassa edile                  
         0                                                        0       
Comp./tratten.          Tipo trattenuta                                         
         2                              0   
Riga DM10 (B/C)     Riga DM10 D         Tipo calcolo DM10 (B/C)
         0                (L446) indicare un rigo                   0   
Elem. UniEmens      Cod.Uniemens 1     Codice Uniemens 2    
        57                          H00 

Invece per l'erogazione dell' incentivo BIEN arretrato indicare :
  
Descrizione voce        %Maggiorazione     Tipo calcolo              Tipo voce   
INCENTIVO BIEN ARR         100                     2                          40
Riga DM10 D          Tipo calcolo DM10 (B/C)  Elem. UniEmens  Cod.Uniemens 1     
(L447)indicare un rigo               0                         58                   H00               
  
Per il recupero di eventuali eccedenze invece occorre creare una voce con le stesse caratteristiche
della precedente, tranne :

Descrizione voce                            Elem. UniEmens      Cod.Uniemens 1   
  ECCEDENZA INC.BIEN                            24                         L702 


       Versione 16.04

Nuovo programma di creazione UNIEMENS alla luce dell'Incentivo BIEN



               

                                                                    SPESOMETRO  2016
Avete provato a capire cosa deve essere comunicato nello Spesometro di quest'anno, consultando i vari siti web che popolano Internet ? Avete chiaro se esiste un limite per le operazioni da indicare ? Sicuramente no... non si puo' ! 
Piu' si naviga, piu' si legge, piu' dubbi ci assalgono, e parlando un po' con i clienti in questi giorni abbiamo capito che dubbi ce ne sono tanti !!
Sembra che serpeggi proprio la volonta' di creare dei "trabocchetti" per ingannare il lettore e portarlo a commettere errori, poi sanzionati dall'Amministrazione Finanziaria. 
Sicuramente chi scrive questi articoli non e' un "addetto ai lavori" e riporta semplicemente delle
informazioni prelevate qua' e la' dai vari decreti ministeriali o dal sito delll'Agenzia delle Entrate,
dove la chiarezza viene rigorosamente bandita. 
Nessuno si prende la responsabilita' di esporre le cose in modo chiaro, semplice, preciso, e purtroppo questa non e' una novita'. 
Ma niente paura, prendendoci ovviamente le nostre responsabilita', vi diciamo come stanno le cose,  ma ... leggete con attenzione. 
                                               Spesometro 2016: operazioni incluse
Lo spesometro riguarda le operazioni:
  • Per le Aziende con obbligo di emissione della fattura : tutte le operazioni  di acquisto e di vendita, a prescindere dall'importo, tranne i casi di esclusione, che sono riportati piu' avanti. 
  • Per le Aziende 
    senza obbligo di  emissione della fattura : le sole operazioni di ammontare pari o superiore a 3.600,00 euro, al lordo dell’IVA, se registrate come corrispettivi. Le operazoni con fattura vanno indicate per l'intero ammontare. Tutte le operazioni di acquisto.
I commercianti al minuto e le agenzie di viaggio da quest'anno devono comunicare tutte le operazioni per le quali è stata emessa fattura, indipendentemente dal relativo ammontare (resta il limite di 3.600 Euro per quelle documentate da scontrino o ricevuta fiscale). In pratica non vale più l'agevolazione concessa l'anno scorso, che consentiva l'esonero per le operazioni attive di importo unitario inferiore a 3mila euro al netto dell'Iva. L'esonero era stato concesso per far fronte alle difficoltà rappresentate dalle relative associazioni di categoria. La problematica si presenta inalterata anche quest’anno, ed è proprio la peculiare regolamentazione del settore che dovrebbe spingere l’amministrazione non solo a confermare la deroga, ma a renderla addirittura permanente. Se la proroga non dovesse essere concessa, gli operatori del turismo sono formalmente tenuti a dichiarare tutte le operazioni poste in essere nel 2015, a prescindere dall’ammontare delle stesse.
Rientrano nello spesometro anche le operazioni soggette:
  • a reverse charge, per le quali non è stata addebitata l'Iva in fattura;
  • allo split payment (art. 17-ter D.p.r. 633/72), per le quali l'Iva viene versata direttamente all'Erario
 
                                       Spesometro 2016: operazioni escluse
Sono escluse dall'obbligo di comunicazione le operazioni già monitorate dall’Amministrazione finanziaria. In particolare:
  • le operazioni che sono già oggetto di comunicazione all'Anagrafe tributaria (es. fornitura di energia elettrica e servizi di telefonia, contratti di assicurazione, contratti di mutuo, contratti di compravendita di immobili);
  • le operazioni di importo pari o superiore a 3.600 Euro, effettuate nei confronti dei contribuenti non soggetti passivi Iva, non documentate da fattura, il cui pagamento è avvenuto tramite carte di credito, di debito e prepagate;
  • operazioni finanziarie esenti Iva art. 10 del D.p.r. 633/72;
  • operazioni già comunicate tramite il sistema tessera sanitaria (STS). Si ricorda, infatti, che ai fini della predisposizione del modello 730 precompilato, i soggetti che effettuano prestazioni sanitarie (come ad esempio i medici, gli odontoiatri, le farmacie ecc…) devono inviare i relativi dati al STS. In mancanza di un esonero ufficiale, si ritiene che siano obbligato alla compilazione dello spesometro anche i soggetti che hanno inviato all'Agenzia delle entrate i dati delle spese funebri, per la predisposizione del 730 precompilato;
  • le operazioni effettuate o ricevute in ambito extra Ue, se già oggetto di dichiarazione in Dogana (importazioni ed esportazioni di beni). Sono, invece, incluse le operazioni effettuate nei confronti degli esportatori abituali  e le triangolazioni UE.
  • le operazioni intracomunitarie oggetto di dichiarazione ai fini Intrastat.
 
Rilasciamo pertanto la seguente versione di Kegon Contabilita', con una revisione del programma Spesometro
   KEGON vers.16.01 
Comunicazioni Telematiche Rivisto al proprio interno il programma "Spesometro" che permette di gestire per ogni soggetto tutti i dati relativi ad operazioni attive e passive, a prescindere che sia un  Cliente o Fornitore, permettendo quindi di interagire con le eventuali note di variazioni a debito o a credito della controparte, che per default risultano ricomprese nel totale delle operazioni imponibili . Si ricorda che il programma "Spesometro 2016" deve essere eseguito nell'anno 2015 (esercizio fiscale). 




Con Messaggio n.24 del 5/01/2016 l'INPS stabilisce le istruzioni per il corretto assolvimento degli obblighi contributivi  relativi all'  Estensione dei trattamenti di integrazione salariale ordinaria e straordinaria ai lavoratori assunti con contratto di apprendistato professionalizzante. Con la circolare n. 197 del 2 dicembre 2015 è stata illustrata la nuova disciplina in materia di integrazioni salariali, derivante dal riordino degli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro operato dal D.lgs. 148/2015.
. Apprendistato.
 Una delle principali novità introdotte dal decreto di riordino è costituita dall’estensione della platea di beneficiari delle integrazioni salariali che, dalla data di entrata in vigore del decreto legislativo, ricomprende anche i lavoratori con contratto di apprendistato professionalizzante con le seguenti specificità:
·         gli apprendisti alle dipendenze di imprese che possono accedere alle integrazioni salariali sia ordinarie che straordinarie, sono anch’essi destinatari esclusivamente dei trattamenti di integrazione salariale ordinaria;
·         gli apprendisti alle dipendenze di imprese che possono accedere alle sole integrazioni salariali straordinarie, sono destinatari esclusivamente di tale trattamento, ma limitatamente al caso in cui l’intervento sia stato richiesto per la causale di crisi aziendale.
 In relazione a quanto previsto dalla relazione tecnica di accompagnamento del D.lgs. 148/2015, per gli apprendisti, la misura della contribuzione di finanziamento della Cassa integrazione è sempre allineata a quella del personale con qualifica di operaio.
 Conseguentemente, per detti lavoratori, l’aliquota contributiva della Cigo è modulata come riportato nella tabella seguente.
                  Apprendisti di tipo professionalizzante – Aliquote contributive Cigo da “settembre 2015”
Imprese fino a 50 dipendenti
Imprese oltre 50 dipendenti
Industria
Edilizia Ind. e Artig.
Lapidei Ind. e Artig.
Industria
Edilizia Ind. e Artig.
Lapidei Ind. e Artig.
1,70%
4,70%
3,30%
2,00%
4,70%
3,30%
 
Per gli apprendisti con contratto di tipo professionalizzante occupati presso aziende destinatarie della sola Cigs, l’aliquota di finanziamento dovuta dal periodo di paga “settembre 2015” è pari allo 0,90% (di cui 0,30% a carico dell’apprendista). 
Per espressa previsione legislativa, alla contribuzione di finanziamento della Cassa integrazione (sia Cigo che Cigs), non si applicano le disposizioni di cui  all'articolo 22,  comma 1, della legge 12 novembre 2011, n. 183.
Ne consegue che la contribuzione sarà sempre dovuta in misura piena anche dai datori di lavoro che fruiscono dello sgravio contributivo previsto dalla legge di stabilità 2012 in favore dei contratti di apprendistato stipulati dal 1 gennaio 2012 al 31 dicembre 2016.
In relazione a quanto previsto dall’articolo 2, c. 4 del decreto di riordino, alla ripresa dell'attività lavorativa a seguito di sospensione o riduzione dell'orario di lavoro, il periodo di apprendistato è prorogato in misura equivalente all'ammontare delle ore di integrazione salariale fruite.
Compilazione del Flusso UNIEMENS
Come è noto, allo stato, i lavoratori apprendisti sono individuati, nell’assetto del sistema UniEmens, alla sezione <DenunciaIndividuale>, con la valorizzazione del codice “5” nell’elemento <Qualifica1> e con la compilazione dell’elemento <TipoApprendistato>, che, in funzione della tipologia di contratto di apprendistato, può assumere i seguenti valori:
-      “APPA”: apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale;
-      “APPB”: apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere;
-      “APPC”: apprendistato di alta formazione e di ricerca.
 Allo scopo di favorire l’individuazione dei soggetti nei confronti dei quali il datore di lavoro è tenuto all’assolvimento degli obblighi contributivi in materia di Cigo/Cigs, sono stati introdotti, nell’ambito dell’elemento <TipoLavoratore>, i codici riportati nella tabella seguente.
Codice  PA Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore
 Codice  PB  Apprendistato professionalizzante
 Codice  PC  Apprendistato di alta formazione ricerca
 Codice  M1 Apprendistato professionalizzante presso aziende esercenti miniere, cave e torbiere, per periodi di lavoro compiuti in sotterraneo
I datori di lavoro, in relazione ai periodi a partire da gennaio 2016, sono tenuti ad inviare i flussi UniEmens riferiti ai lavoratori in questione, utilizzando le predette codifiche. A partire dallo stesso periodo (gennaio 2016), non dovrà più essere valorizzato l’elemento <TipoApprendistato>.
Nessuna innovazione, invece, nella compilazione del flusso con riferimento ai lavoratori assunti in apprendistato in qualità di beneficiari dell’indennità di mobilità e/o per quelli mantenuti in servizio al termine del periodo di apprendistato
Regolarizzazione periodi pregressi
Per la regolarizzazione delle differenze contributive connesse alle modifiche normative descritte ai punti 3 e 4, i datori di lavoro, a partire dal mese di competenza successivo a quello di emanazione del presente messaggio, in relazione ai periodi interessati (settembre-dicembre 2015), valorizzeranno – all’interno di <DenunciaIndividuale> <DatiRetributivi> – l’elemento <AltreADebito> indicando i seguenti dati:
  • in <CausaleADebito> il codice “M201” avente il significato di "Differenze Contributo CIGO" ovvero il codice “M202” avente il significato di “Differenze Contributo CIGS”;
  • in <AltroImponibile> la somma degli imponibili dei mesi oggetto di regolarizzazione;
  • in <ImportoADebito> l’importo del contributo dovuto riferito alla CIGO e/o alla CIGS.
 
 Alla luce di queste novita' vengono rilasciati i seguenti aggiornamenti:  

  Torpedo Paghe 16.05

- Qualifiche   Inseriti i nuovi codici PA,PB,PC,M1 nel campo "Tipo lavoratore"

Voci di corpo inseriti nell'elenco di "Altre partite a Debito del Datore di Lavoro" i codici di regolarizzazione M101 e M102, di cui sopra.
- Presenze  sistemata la festivita' del Lunedi di Pasqua del 28/3/2016



       Versione 16.03
Adeguato il programma di creazione UNIEMENS alla luce delle novita' sugli apprendisti


 Mentre nelle dichiarazioni IRAP precedenti era prevista una deduzione non totale dei costi relativi al personale dipendente (se non per i costi riguardanti gli apprendisti ed alcune situazioni peculiari), per cui non era concesso al datore di lavoro dedurre integralmente le spese relative ai lavoratori dipendenti, potendo esclusivamente applicare su tali costi una deduzione forfetaria o analitica, a seconda del periodo lavorato e della tipologia di assunzione; adesso, con le nuove previsioni normative, è possibile dedurre integralmente il costo complessivo sostenuto per il lavoro dipendente, anche se soltanto per i lavoratori assunti a tempo indeterminato.
In questo modo, l’applicazione della deduzione deve riferirsi all’ammontare che eccede le deduzioni analitiche o forfetarie relative al costo dei dipendenti a tempo indeterminato, affinché tutte le spese riguardanti questa tipologia di lavoratori vengano interamente dedotte dalla base imponibile IRAP.
La deduzione integrale del costo del lavoro per i dipendenti assunti a tempo indeterminato viene introdotta dalla legge di Stabilità 2015. Si rende totalmente deducibile la differenza fra il costo complessivo per il personale a tempo indeterminato e le deduzioni che erano giù in vigore per l’anno di imposta precedente.
       Aggiornamenti : 16.20.00-16.20.10 vedi pagina Mitos




   KEGON vers.16.00 
Tabulato Dichiarazione Iva Ridisegnato il modulo di stampa, che adesso prevede una dettagliata e completa esposizione dei dati relativi agli acquisti ed alle vendite.

Progressivi Iva Inseriti i record 9 e 10 che accolgono rispettivamente i dati statistici degli acquisti e vendite, utili ai fini della stampa del tabulato iva.

Comunicazione Annuale Dati Iva valgono le stesse regole degli anni precedenti. Come sembra dal prossimo anno si presentara' solo la Dichiarazione Iva, staccata dall'Unico, e pertanto tale comunicazione andra' in pensione.




    STARTAX F24 vers.16.00
Versione aggiornata per l'anno 2016
Scaricare da Profes


    KEGON Parcellazione vers.16.00
Versione aggiornata per l'anno 2016.
E' stato revisionato il programma Partitario, che visualizza maggiori informazioni.
Scaricare da Profes






  Torpedo Paghe 16.04

- Saldo contributi INPS   Capita che l'importo a saldo dei contributi INPS, nel modello Uniemens, differisce di 1 euro rispetto a quanto versato nel Mod.F24 e indicato nel vecchio 
modello DM10. 
Purtroppo la struttura del Modello Uniemens stravolge le regole del buon caro DM10, dove ogni singolo importo presente nei quadri a debito e a credito veniva arrotondato alle mille lire e successivamente dal 2002 all'unita' di euro. 
Il programma di controllo Uniemens segnala tale differenza, e rileva un "errore" forzabile, tuttavia sembra che l'INPS in questi giorni stia emettendo delle note di rettifica per recuperare tali "differenze". La cosa, se risultera' essere vera ,  e' davvero inaudita !
Alla luce di cio', e per evitare futuri problemi,  abbiamo apportate tutte le modifiche del caso, nei tabulati di calcolo degli oneri, nella stampa laser del Mod.DM10, e nel programma di predisposizione del flusso Uniemens, a discapito purtroppo dell'eleganza espositiva.



  Torpedo Paghe 16.03

- Deduzioni IRAP   aggiornato il programma di calcolo delle deduzioni relative al periodo di imposta 2015. La novita' consiste nel determinare, in aggiunta alle consuete deduzioni, un importo pari alla differenza tra il costo effettivo di lavoro dipendente a tempo indeterminato, per come risulta dal bilancio di esercizio, ed il totale di tutte le altre deduzioni,  in modo da determinare il 100% del costo. E' opportuno farsi comunicare tale dato dal commercialista che gestisce la contabilita' fiscale e predispone il bilancio di esercizio. In mancanza di tale un importo che deve essere imputato all'inizio dell'elaborazione, il programma prendera' come riferimento il totale costo che risultera' dal tabulato di calcolo IRAP, ma sara' sempre opportuno far avvallare tale dato dal  commercialista della ditta.
- Addizionali 2015 rateizzate nel 2016  in vista della prossima CU 2017 vengono accumulate nei progressivi del dipendente le addizionali regionali e comunali. Con la prima elaborazione delle presenze mensili il programma effettuera' il prelievo di tali informazioni.
- Trasferimento dipendenti e Bonus Alcuni Clienti hanno segnalato che il programma di trasferimento dipendenti non riporta l'importo del Bonus nel nuovo inserimento. 
Abbiamo controllato ma il programma funziona regolarmente e trasferisce anche l'importo del Bonus. Probabilmente tali trasferimenti sono stati effettuati in epoca in cui tale dato non era ancora gestito. 

            

            Versione 16.A9        


Ultimata l'odissea di questa CU 2016 !

Nella versione odierna potete trovare:

- Ottimizzazione Telematico Lavoro dipendente nei casi di Annullamento o Sostituzione
- Stampa CU lavoro dipendente versione Ordinaria
- Stampa CU lavoro Autonomo
- Quadratura lavoro Autonomo
- Distinta lavoro Autonomo
- Creazione Telematico Lavoro Autonomo
- Stampa inpegno alla Trasmissione Telematica, sia per LA che per LD

Per il caricamento dei dati fiscali relativi al Lavoro Autonomo e' stato inserito l'help di caricamento delle ritenute d'acconto pari al 4% nel caso di rapporti con Amministrazioni Condominiali (occorre premere il tasto F5).


                                                     Sostituzione 
La sostituzione interessa una singola CU validamente trasmessa. Occorre inserire la tipologia S di comunicazione,  il numero identificativo ed il numero di protocollo rilevabile dalla ricevuta di trasmissione Entratel, nonche il numero di record del lavoratore interessato. 
La nuova CU sostituisce integralmente la precedente

                                                  Annullamento 
L'annulamento  interessa una singola CU validamente trasmessa. Occorre inserire la tipologia A di comunicazione,  il numero identificativo ed il numero di protocollo rilevabile dalla ricevuta di trasmissione Entratel, nonche il numero di record del lavoratore interessato. 
La CU a suo tempo inviata sara' annullata, e percio' , se e' il caso, occorrera' inviare una nuova CU riveduta e corretta.

 Sistemati ulteriori campi che interessano i dati del TFR dei Marittimi (caselle 861, 862 e 866). E' stato creato un report dei dati significativi del contenuto della CU telematica: nella form di creazione telematico e' stato inserito il nuovo pulsante Report, che deve essere premuto prima del pulsante Elabora. 
Avendo accolte le svariate segnalazioni e’ stata rivista l’indicazione di alcuni campi della CU Telematica,in merito agli allineamenti ed al riempimento con spazi o zeri della formattazione del campo.
Alcune segnalazioni dei controlli Entratel sono fuorvianti, e non e’ sempre oro tutto cio’ che luccica…
Per esempio Enratel fa’ uno strano controllo quando i giorni dichiarati per detrazioni di lavoro sono inferiori a 365: segnala che i giorni di lavoro non coincidono con i giorni dichiarati per le detrazioni di lavoro.
Attenzione : non modificate i giorni di detrazioni per lasciare contenti quelli di Entratel !!!!
Se modificate questo dato (parliamo delle ripercussioni sul 730 precompilato) le vostre detrazioni di lavoro,calcolate in sede conguaglio e dichiarate nella CU, risulterebbero errate, e forse anche passibili di sanzioni.
Il criterio adottato da Entratel in questa segnalazione riguarda il computo dei giorni di calendario intercorrenti dal 1 gennaio o dalla data di assunzione nel 2015 fino al 31 dicembre o alla data di cessazione di lavoro, se intervenuta nel 2015.
E’ evidente che sono due cose completamente diverse, giacche’ non e’ detto che al lavoratore
vengano riconosciute sempre le detrazioni per l’intero  mese.
 
Pronto il software per la comunicazione telematica della CU 2016. 
Occorre aggiornare dalla piattaforma Profes sia il software della CU, ma anche il Menu' Professional (versione 16.02).
Infatti il software e' sviluppato  in ambiente windows, ed e' inserito nel Menu "Certificazione Unica e Modello 770". Vista l'enormita' di dati da trattare solo con un software potente si poteva gestire questa "esagerata " e per tanti versi "inutile" comunicazione: si devono gestire circa un migliaio di campi, ognuno dei quali ha delle regole di esposizione ben precise, e cioe' se si deve allineare a destra o a sinistra , ed altre cavolate simili, ma alla fine vedrete che solo pochi campi in concreto saranno comunicati nelle vostre certificazioni.
Usare il programma e' facilissimo : cliccate sulla finestrella delle certificazione  e scegliete la comunicazione da elaborare oppure inserite il codice nell'apposita casella.
Scelta la CU cliccate nel pulsante "Apre CU": troverete dei dati gia' inseriti, quali unita' e percorso del file, nome del file, tipo di comunicazione. Sulla destra vengono visualizzate le informazioni riguardanti l'intermediario. Se occorre modificate quello che vi serve, tenendo pero' presente che alcuni dati vanno corretti direttamente nella CU.
A questo punto premete il tasto Elabora, ed il gioco e' fatto.
Controllate il file con il software Entratel aggiornato. A proposito, i moduli di controllo della CU si trovano nella sezione "Controlli Altri Documenti". Ovviamente nei giorni seguenti potranno essere
aggiunte altre funzionalita', e miglioramenti. Comunicate qualsiasi anomalia riscontrate.
Grazie per l'attesa e buon lavoro ! 
Tony Di Gregoli

L'aggiornamento attuale comprende:
- Stampa della Certificazione da consegnare ai lavoratori. 
- Stampa della Distinta delle Certificazioni
- Ampliamento dell'archivio delle Annotazioni, con indicazione dei codici elaborati in fase di stampa e che saranno inseriti nella comunicazione telematica.
- Prelievo dell'Add.Reg.le e Comunale dall'archivio 2014, sia per Paghe normali che per Marittimi
- Eliminata anomalia Test Previdenza Complementare dei lavoratori Marittimi
- Corretto prelievo dati di Assistenza fiscale per i Marittimi (Saldo e Rimborso Irpef)
- Gestione dei Lavoratori Autonomi
- Prelievo dati dalla Contabilita' Kegon

Trovata la soluzione per importare nella CU gli importi dell'Add.Reg.le 2014 rateizzata nel corso del 2015.
Occorre verificare, nell'anno 2015,  che nell'archivio dipendente statistico IRAP, del Menu' IRAP e Studi di Settore, sia presente il codice Rk dell'archivio 2014: se non e' presente basta premere il tasto F5 per importarlo.
In questo modo il programma di importazione CU da Paghe e' in grado di prelevare l'importo dell'addizionale che e' presente nell'archivio Anagrafico dell'anno 2014.
Ovviamente questo vale anche per la procedura Paghe Marittimi.

Risolte altre piccole anomalie: 
-Mancata memorizzazione di variazioni effettuate nel Modulo "Dati Rapporto di lavoro e Bonus";
-Mancato prelievo del Codice Regione e Codice Comune in presenza di importi di Assistenza Fiscale;
-Visualizzazione corretta della quadratura della CU, con inclusi gli importi da Assistenza Fiscale. 

Modello CU, l'Ancl richiede un incontro urgente con i tecnici dell'Agenzia delle Entrate                Lettera del Presidente Longobardi

L'Ancl ha richiesto un incontro con i tecnici dell'Agenzia delle Entrate per poter definire congiuntamente i futuri contenuti delle Certificazioni Uniche
In virtù di alcune richieste di informazioni da inserire nella CU ineseguibili, l'Ancl ha inviato una missiva al Ministro dell'Economia Padoan e al Direttore dell'Agenzia delle Entrate per richiedere un incontro urgente con i tecnici dell'Agenzia delle Entrate affinché, unitamente alla nostra categoria, si possano già definire i futuri contenuti delle Certificazioni Uniche per l'anno 2017.

La procedura permette l'importazione dei dipendenti Marittimi.
Sistemate piccole anomalie riguardanti i campi :
Casella 10 (dipendenti in forza al 31/12)
Casella  24 (add.reg.dip.cessati)
Casella 373 (totale detrazioni)
Al momento non e' possibile effettuare il prelievo degli importi della rateizzazione delle addizionali Reg.li  relative al 2014 e pagate nel 2015 (casella 23), ma e' allo studio una soluzione.
La versione attuale della CU richiede un codice di autorizzazione che e' diverso da quello dello scorso anno. Alcuni Clienti ha avuto gia' autorizzato il programma CU 2016 ma e' probabile che
non sia stata confermata l'abilitazione per la CU 2015. Pertanto e' opportuno controllare se la versione 2015 risulta abilitata, ed eventualmente chiamate per il codice di sblocco. 
Prima di procedere alla preinstallazione della procedura CU, per i clienti che ancora non hanno iniziato, e' opportuno verificare la presenza del file BRT71EFR.exe: se manca copiatelo dalla cartella CSED\CS770\2014. 
Alcuni browser creano problemi con il download  del file installa.zip della preinstallazione: provate con altri browser (mozilla,chrome). Chiamateci se avete ancora problemi.    
 
Come pianificato in data odierna si rilascia il software di Certificazione Unica 2016.

                                                         Pianificazione rilascio procedure
- 16/02/2016      Procedura versione 16.A1  - Applicativo base - Prelievo dati Paghe tradizionali
17/02/2016       Procedura versione 16.A2  - Prelievo dati Paghe marittimi
- 19/02/2016      Procedura versione 16.A3  - Stampa Certificazioni Lavoro dipendente
- 22/02/2016      Procedura versione 16.A4  - Gestione Lavoratori Autonomi- Prelievo Contabilita'
- 26/02/2016      Procedura versione 16.A5  - Telematico  
Si ricorda che e'stata stabilita' una proroga per la presentazione della certificazione unica 2016 dei lavoratori autonomi
Anche per i lavoratori autonomi la scadenza della certificazione unica 2016 è prevista per il prossimo 7 marzo 2016.
Tuttavia, nel corso di Telefisco 2016, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la certificazione unica 2016 lavoratori autonomi potrà essere inviata anche dopo il 7 marzo 2016, senza l’applicazione delle sanzioni. Perché?  Il motivo è legato al modello 730/2016 precompilato: non incidendo sulla dichiarazione dei redditi precompilata, la trasmissione delle certificazioni uniche 2016 è ammessa entro il termine previsto per la trasmissione del modello 770/2016 ovvero entro il 1° agosto 2016 (il 31 luglio, scadenza originaria, cade di domenica).

                                                        Come procedere
La versione base rilasciata oggi va' eseguita da tutti i clienti interessati alla Certificazione Unica per Paghe Tradizionali, Paghe Marittimi,Lavoratori Autonomi. Si tratta  di una preinstallazione, per consetire il flusso di lavoro del software. Tale preinstallazione va' eseguita soltanto la prima volta:
gli aggiornamenti, compreso quello odierno 16.A1, andranno eseguiti attraverso la piattaforma abituale Profes. 
Occorre scaricare nella cartella CSED\CS770  del server di rete o del vostro disco locale C, questi files di seguito elencati. Successivamente al download bisogna eseguire il file "Setup.exe" presente nella cartella. 
                      Installa.zip        Installa.exe       Disco1.exe       Disco2.exe   Setup.exe
In questa fase e' importante assegnare l'esatto percorso della procedura:
verra' proposto questo percorso "C:\CSED\CS770\2015"   e ancora  "C:\CSED\CS770\2015\DATI"
Se lavorate con un server di rete occorre sostituire la lettera "C" con la lettera assegnata al server (esempio : Z)
Dopo tale preinstallazione occorre aggiornare il programma di Certificazione Unica, accedendo da Profes in "Scarica ed installa aggiornamenti.
Grosso modo il modo di operare e' simila allo scorso anno, ma ci sono importanti modifiche:
per esempio nella stessa certificazione possono coesistere lavoratori dipendenti e lavoratori autonomi, se indichiamo il codice 3 nel " tipo dichiarazione". Quando creiamo una certificazione possiamo importare il codice ed alcuni dati della certificazione dello scorso anno. 
Si pregano i Sigg.ri Clienti di segnalare qualsiasi anomalia dovesse verificarsi nel funzionamento. Sono state effettuate diverse prove, prima di rilasciare questa versione. Tuttavia, dato il poco tempo a disposizione per l'opportuno "rodaggio" e' opportuno verificare con attenzione i dati.
Buon lavoro



Diversi Clienti hanno segnalato che sviluppando le presenze del mese di Febbraio (il 2016 e' bisestile)  il programma propone 28 giorni per il calcolo delle detrazioni, anziche' 29. Cio' non e' un'anomalia: se consideriamo febbraio di 29 giorni alla fine dell'anno avremmo un totale giorni detrazioni pari a 366 e questo si' che e' un errore!
Ai fini dell'attribuzione delle detrazioni l'anno deve intendersi composto sempre da 365 giorni, anche negli anni bisestili.   
Le detrazioni per redditi di lavoro dipendente e assimilati vanno rapportate al periodo di lavoro nell’anno, relativamente sia ai rapporti di lavoro indeterminato che a quelli a tempo determinato, i giorni per i quali spetta la detrazione coincidono con quelli che hanno dato diritto alla retribuzione che è stata assoggettata a ritenuta (art. 13, comma 1, TUIR).
Si tratta del numero di giorni che hanno dato diritto al reddito di lavoro dipendente (compresi i trattamenti pensionistici) soggetti a tassazione, a fronte del quale è concessa la detrazione.
In tale numero di giorni vanno in ogni caso compresi le festività, i riposi settimanali e gli altri giorni non lavorativi e vanno sottratti i giorni per i quali non spetta alcun reddito, neppure sotto forma di retribuzione differita, quali le mensilità aggiuntive etc. (ad esempio, in caso di assenza per aspettativa senza corresponsione di assegni).
Nessuna riduzione delle detrazioni va effettuata in caso di particolari modalità di articolazione dell'orario di lavoro, quali il part-time verticale o orizzontale, né in presenza di giornate di sciopero.
Analogo criterio deve essere adottato per i contratti a tempo determinato, per i quali, partendo dal numero dei giorni compresi nel periodo di durata del rapporto, vanno sottratti quelli per i quali non compete il diritto alla retribuzione.
In presenza di contratti di lavoro dipendente a tempo determinato caratterizzati dalla effettuazione di prestazioni “a giornata” (ad esempio, per i lavoratori edili e i braccianti agricoli) la detrazione spettante per le festività, i giorni di riposo settimanale ed i giorni non lavorativi compresi nel periodo che intercorre tra la data d'inizio e quella di fine di tali rapporti di lavoro deve essere determinata proporzionalmente al rapporto esistente tra le giornate effettivamente lavorate e quelle previste come lavorative dai contratti collettivi nazionali di lavoro e dai contratti collettivi territoriali applicabili per i contratti a tempo indeterminato delle medesime categorie. Il risultato del rapporto, se decimale, va arrotondato all'unità successiva. Si ricorda che ai fini dell'attribuzione delle detrazioni, l'anno deve intendersi composto al massimo di 365 giorni, anche negli anni bisestili.
Infine, si ricorda che, in presenza di più redditi di lavoro dipendente, nell'individuare il numero di giorni per i quali spettano le detrazioni, quelli compresi in periodi contemporanei vanno computati una volta soltanto e che, tra i giorni relativi ad anni precedenti, per i quali spetta il diritto alle detrazioni, non vanno considerati quelli compresi in periodi di lavoro per i quali si è già fruito in precedenza delle detrazioni. 



  Torpedo Paghe 16.02

Riviste alcune gestioni:
- Autoliquidazione INAIL  memorizzazione, per successive visualizzazioni, di eventuali retribuzioni extra paghe (collaboratori, sovrintendenti, etc.), dei premi Artigiani e degli sconti. 
In pratica il calcolo delle autoliquidazioni viene memorizzato in base a come viene sviluppato, compresi anche gli eventuali inserimenti manuali di ulteriori retribuzioni o premi artigiani. 
Ottimizzata la stampa del prospetto di calcolo in una forma piu' sintetica.
- Tetto TRIE  aggiornato il tetto per l'incentivo TRIE del 2016, che nel biennio 2016-2017 diventa il 40% di quello stabilito per l'anno 2015, e cioe' Euro 3250, pari ad Euro 270,83 mensili. 
- Stampa cedolino laser  inserita una funzione che, nel caso di una stampa ufficiale da rivedere, azzera in tutti i cedolini il numero attribuito, la data e l'ora di stampa. In questo modo si puo' procedere ad una nuova stampa ufficiale, partendo da una certa numerazione.
Nell'archivio delle autorizzazioni di stampa dei cedolini laser e' prevista una indicazione che viene stampata lateralmente a dx del cedolino dal basso verso l'alto. Tale indicazione puo' essere utilizzata per stampare le informazioni relative allo studio che elabora i cedolini (consulente), ma puo' essere utilizzata per fornire indicazioni riguardanti l'azienda stessa, per esempio l'indirizzo P.E.C. a cui il dipendente deve comunicare la volonta' di dare le dimissioni, come stabilito dalle recenti norme.
In tale modo l'azienda puo' dimostrare di aver fornito tale informazione ai propri dipendenti.
Pertanto questo dato, che veniva prelevato dall'azienda che gestisce la numerazione dei cedolini laser e stampato in tutti i cedolini, da ora in poi viene prelevato dall'archivio della singola ditta, e parliamo sempre dell'archivio delle autorizzazioni cedolini laser.



       Versione 16.01
Adeguato il calendario 2016 per la visualizzazione dei giorni di presenza del mod.UNIEMENS.
Scaricare da Profes

  
                                                   

Chiariamoci le idee... Come funziona il bonus 2016?
Il bonus 80 euro 2016 è un credito fiscale pari a circa 80 euro che spetta a determinate categorie di lavoratori aventi un certo tipo di reddito.
Anche detto “credito IRPEF”, il bonus 80 euro 2016 è considerato una detrazione fiscale destinata al lavoro dipendente, che permette ai lavoratori dipendenti appunto, di ottenere un beneficio economico in busta paga, ogni fine mese. Appare quindi chiaro che non e' cambiato nulla rispetto al 2015: ll bonus non diventa una detrazione dall'IRPEF, come siamo abituati a pensare e concepire con la parola detrazione . Il Bonus viene semplicemente inteso come detrazione fiscale solo ai fini di una politica fiscale che vuol evidenziare una riduzione della pressione fiscale sui redditi di lavoro dipendente.
Grazie alla Legge di Stabilità 2015 il bonus IRPEF 80 euro è diventato strutturale, definitivo: ad ogni lavoratore dipendente, in presenza dei requisiti necessari, spettano infatti circa 80 euro in più al mese in busta paga.


 
    e nuova   


Certificazione unica e Modello 770
Certificazione unica a valore dichiarativo dal 2016.
Il Ddl Stabilità 2016 (art. 49) prevede che le trasmissioni telematiche delle certificazioni uniche effettuate all’agenzia delle entrate entro il termine del 7 marzo siano “equiparate a tutti gli effetti alla esposizione dei medesimi dati” del Modello 770.
La Cu pertanto assumerà valore dichiarativo, e tutti i dati anagrafici, fiscali e previdenziali, che prima si trasmettevano col Mod.770, saranno trasmessi soltanto con la certificazione unica. Il modello 770 semplificato conterra’ invece solo i dati relativi ai pagamenti delle ritenute (ST, SV,SX), etcc..
La norma e’ gia’ entrata in vigore dal 01.01.2016 e sara’ applicata fin già per gli adempimenti in scadenza il 7 marzo 2016 per la Certificazione Unica ed il 31 luglio per il modello dei sostituti d’imposta (770), in relazione quindi agli adempimenti dovuti per il periodo d’imposta 2015.
Lo scenario che si prospetta porta a una trasmissione della Certificazione Unica “pesante”, con dentro sia i dati relativi alla certificazione che i dati relativi, ad esempio al TFR, o all’assistenza fiscale. Al dipendente sara’ rilasciata una versione sintetica del modello, del tutto simile a quella dell’anno scorso.
L’invio delle informazioni riguardanti le ritenute invece sara’ effettuata entro i termini tradizionali di presentazione del Mod. 770.
La CSED Software si e’ impegnata a produrre tutto il software occorrente per la nuova Certificazione Unica e l'integrazione dei dati per il Mod.770 semplificato, che pertanto sara’ un unico ed inscindibile software. I sigg.ri clienti non utilizzeranno piu’ il software BpointSp (Mitos), a meno che’ non debbano presentare il Modello 770 ordinario.
La CSED Software comunica che produrra’ solo il Mod.770 semplificato.   
Dal punto di vista economico non cambiera’ nulla per i clienti che gia’ usufruivano del software BpointSp: sicuramente ne  trarranno un vantaggio dal punto di vista “operativo” per la tradizionale ricerca della semplicita’, da sempre voluta dalla CSED Software
I Sigg.clienti che invece non utilizzavano il programma 770 della Wolters Kluwer (Bpointsp-Mitos)  dovranno decidere cosa fare:
il software di certificazione unica e del Mod.770 e’ un unico pacchetto dal costo di 300, 00 Euro.
Ai clienti che utilizzavano solo la certificazione unica verra’ riconosciuto un bonus di 50,00 Euro, e pertanto pagheranno solo 250,00 Euro per Certificazione Unica e Mod.770.
Se non vorranno utilizzare il Modello 770 dovranno rinunciare anche alla Certificazione unica, perche’, ribadiamo, e’ un unico ed inscindibile software, e verra’ pertanto rilasciata un’unica chiave di abilitazione.


Torpedo Marittimi 16.00

Predisposti i programmi per l'elaborazione dei cedolini marittimi per l'anno 2016 
Registrazione, modifica e stampa presenze; creazione file UNIEMENS, Sviluppo cedolini e riepiloghi.
E' stato revisionato il metodo di calcolo del Bonus preventivo e del conguaglio.
Prima di procedere allo sviluppo dei cedolini occorre effettuare il calcolo del bonus per l'anno 2016.
Scaricare da Profes



  Torpedo Paghe 16.01

Risolte alcune anomalie riscontrate:
- Autoliquidazione INAIL  corretto lo sconto sul premio artigiani
- Calcolo TFR  sistemato il Fondo TFR in presenza di quote accantonate alla Previdenza complementare




  Torpedo Paghe 16.00

Predisposti i programmi che contengono il calendari 2016 : Registrazione, modifica e stampa presenze; creazione file UNIEMENS.
Si ricorda che per poter iniziare occore effettuare la procedura di cambio anno (nell'anno 2015), ma dopo aver effettuato il calcolo del TFR ed anche l'autoliquidazione dei premi INAIL.
Riduzione INAIL
All'uopo e' stato istituito un nuovo archivio, presente nel Menu' Ditta, che contiene le aliquote per gli
sconti INAIL della regolazione e della rata in corso (2105/2016), che dovrebbero essere 15,38 e 16,61. Caricare eventualmente tali aliquote prima di procedere all'autoliquidazione. 
Per il Bonus Renzi al momento non si conoscono le modalita' per l'anno 2016. E' stato revisionato il metodo di calcolo del Bonus preventivo e del conguaglio.
Scaricare da Profes




  La normativa di favore per il settore della " pesca interna" alla luce del D.L. 21/11/2014 n.175, concernente Semplificazioni Fiscali" 

L'origine della normativa di favore va ricercata nel decreto legge 30.12.1997, n. 457 ("Disposizioni urgenti per lo sviluppo del settore dei trasporti e l'incremento dell'occupazione"), il cui articolo 4, comma 1, nel testo risultante dopo le modifiche apportate dall'articolo 13, comma 1, della legge 23.12.1999, n. 488, dispone quanto segue:
  • ai soggetti che esercitano l'attività produttiva di reddito derivante dall'utilizzazione di navi iscritte nel Registro internazionale è attribuito un credito d'imposta in misura corrispondente all'Irpef dovuta sui redditi di lavoro dipendente e di lavoro autonomo corrisposti al personale di bordo imbarcato sulle navi stesse, valevole ai fini del versamento delle ritenute alla fonte relative a tali redditi. Il credito d'imposta non concorre alla formazione del reddito imponibile
  • a decorrere dal periodo d'imposta in corso al 1° gennaio 1998, il reddito derivante dall'utilizzazione di navi iscritte nel Registro internazionale concorre limitatamente al 20 per cento a formare il reddito complessivo assoggettabile a Irpef e a Irpeg (a partire dal 1° gennaio 2004, a Ires).
L'articolo 6-bis del decreto legge, aggiunto, in sede di conversione, dalla legge 27.2.1998, n. 30, aggiunge che, fatto salvo quanto disposto all'articolo 1, per la salvaguardia dei livelli occupazionali propri dei segmenti di appartenenza, i benefici di cui agli articoli 4 e 6 si estendono alle imprese armatoriali che esercitano la pesca oltre gli stretti e, nel limite del 70 per cento, a quelle che esercitano la pesca mediterranea. 
La norma prevede quindi di riconoscere al sostituto d'imposta un credito, che attualmente e' pari all' 80% o addirittura al 100%, delle ritenute alla fonte effettuate nei confronti del personale di bordo, che altrimenti avrebbe dovuto versare.  
La circolare n.13/E dell'agenzia delle Entrate, recanti le nuove disposizioni sulle compensazioni,   istituisce il codice tributo 1634 denominato "Credito d'imposta per ritenute IRPEF su retribuzioni e compensi al personale di cui all'art.4,c.1,D.L. n.457/1997", poiche' il sostituto d'imposta non puo'  piu' effettuare compensazioni "interne", ma utilizzera' il Mod.F24 per una maggiore trasparenza.
Pertanto nel Mod.F24 - Sezione Erario - andranno indicati i codici 1001, 1012, 1002 relativi alle ritenute sui redditi di lavoro, sul TFR e su arretrati di lavoro, indicando nella colonna a debito le ritenute effettive, mentre col codice tributo 1634 indicheranno nella colonna a credito l'importo del credito d'imposta di cui al D.L. 457, comunemente chiamato "Legge 30".
     
     Avviso agli utenti

Dal 29 luglio scorso è cominciata la corsa all'aggiornamento a Windows 10, sono milioni gli utenti che hanno effettuato il passaggio (67 milioni secondo l'ultimo rilevamento del 3 agosto, secondo altre fonti cifra da ridimensionare a 18 mln circa) ma non per tutti è un'operazione consigliata. Bisogna essere consapevoli che alcune funzioni, utilità o altro software sul computer potrebbero mancare o non funzionare correttamente dopo l'aggiornamento a Windows 10.
Alcuni importanti marchi sconsigliano per il momento il passaggio a Windows 10 (SONY, ad esempio).
Noi abbiamo provato ad installare Windows 10 su alcuni pc e notebook, e abbiamo riscontrato numerosi problemi: alcuni sono stati risolti, dopo svariati tentativi ed un'accurata revisione di alcuni parametri, altri invece sono rimasti irrisolti. Alcuni importanti programmi utilizzati, ad esempio Entratel, determinano errori nell'autentica dei file (Errore 12) per incompatibilita' con la virtual machine di Java. Cosi' funziona pure male il software di assistenza remota (TeamViewer), e non si riesce a collegare un client ad un server di rete, per una davvero strana protezione che inibisce la condivisione dei files. 
Le descrizioni del Menu' Start, dopo un certo periodo di utilizzo, scompaiono o si accavallano l'un l'altra e non si riesce piu' a poter utilizzare il pc, a meno che' ci muoviamo a tentoni cercando di ricordare la funzione dei pulsanti. Su alcuni pc l'avvio di windows e' paurosamente lento (circa 1 minuto di attesa pur in presenza di un hard disk solido). Sul notebook HP Pavillion (con processore i7) non istalla i driver della scheda grafica Radeon, per cui il funzionamente viene gravemente compromesso.
Per finire : sicuramente una grafica bella ed accattivante, e l'idea di un doppio utilizzo (quella funzionalita' desktop che manca nel windows 8) e' davvero buona. Ma a parte questo c'e' ancora tanto da migliorare e/o completare.
Sconsigliamo pertanto al momento di effettuare il passaggio a tale sistema operativo: teniamoci stretto il nostro Windows 7.
 


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu